Perché le persone più intelligenti sono più propense ad assumere marijuana?

Perché le persone più intelligenti sono più propense ad assumere marijuana?

La marijuana aiuta a curare le malattie, a trascorrere momenti piacevoli da soli o in compagnia e persino a migliorare il nostro umore. E soprattutto, sembra essere relazionata con la resa intellettuale. Perché da tempo si cerca di attribuire alle proprietà benefiche della cannabis l’influenza o il collegamento con l’intelligenza di ogni persona. Proprio in questi ultimi tempi sono stati pubblicati diversi studi per cercare di discernere il modo in cui sono collegati. E le conclusioni sono chiare: il suo consumo non influisce sulla resa intellettuale.

Questa linea di ricerca viene da lontano. All'inizio di questo decennio, degli studi fatti presso l'Università di Londra hanno concluso che quelli con più alto quoziente di intelligenza (QI) erano più propensi a consumare cannabis. Per arrivare a questa conclusione, i ricercatori hanno studiato l'intelligenza e la creatività emotiva di non meno di 3818 uomini e 4128 donne in diversi momenti delle loro vite, dai 16 ai 30 anni. Allo stesso tempo, è stato registrato l'uso che facevano della pianta.

Da allora sono state fatte ricerche su a cosa potrebbero essere dovute tali conclusioni. Tra le altre ragioni, allora si disse che il motivo per cui i 'cervelloni' usano di più la cannabis è dovuto alla loro naturale predisposizione a provare cose nuove. Una delle teorie dello scrittore e psicologo Satoshi Kanazawa ha a che fare con la psicologia evolutiva degli esseri umani; ritiene che una pianta come questa offra degli stimoli per continuare a fare progressi e ad adattarsi ai cambiamenti. Un altro argomento è relazionato con i problemi sociali durante l'infanzia: se hanno sofferto di isolamento allora (o ancora nel corso di tutta la loro vita) è probabile che nella vita adulta cerchino nuove esperienze che li ricompensino e li aiutino a superare la noia.

Cannabis e adolescenza
Ora, i nuovi studi si concentrano, per esempio, sul rapporto tra intelligenza, cannabis e adolescenza. In modo simile alla precedente ricerca, ora sono stati studiati i più giovani e la probabilità che da grandi facciano uso di marijuana.
I ricercatori della University College di Londra si sono serviti di 6.000 risultati di altrettanti bambini di 11 anni e che ora stanno attraversando la fase dell’adolescenza, suddivisi in due fasce di età 13-17 e 18-20 anni. Secondo la loro analisi, coloro che hanno avuto un rendimento medio a quell'età avevano più probabilità di fare un uso occasionale o costante di marijuana rispetto ai loro coetanei bocciati o con rendimenti bassi.

Tuttavia, questo studio ha avuto una principale novità rispetto a quello precedente: gli studenti con ottimi risultati, migliori rispetto alla media, non avevano molte probabilità di fare uso di cannabis all'età di 16 anni, ma avevano comunque più opzioni rispetto a quelli con scarsi risultati scolastici. La probabilità invece aumentava se i risultati migliori arrivavano tra i 18 ei 20 anni. Lo studio ha anche tenuto conto del fatto che, fino a quando non diventavano maggiorenni, molti non avevano accesso regolare alla pianta.

Inoltre, i ricercatori hanno concluso che non si trattava di semplice sperimentazione, il consumo diventava abituale: “Queste associazioni persistono nella prima età adulta, fornendo prove contro l'ipotesi che le alte competenze accademiche sono associate con la sperimentazione temporanea”, hanno spiegato.

Con le sue conclusioni, lo studio ha anche cercato di eliminare i pregiudizi circa un’idea molto diffusa: che coloro che hanno fallito negli studi siano quelli che hanno più probabilità di consumare marijuana o sostanze come il tabacco e l’alcol.
Come nello studio di qualche anno fa, i ricercatori si chiedono se il basso risultato accademico significhi meno interesse per le nuove esperienze o per abbattere i pregiudizi che esistono nella società che invece sarebbero disposti a rompere quelli con intelligenza superiore.

Per ora, sono tutte speculazioni. In questo studio, i ricercatori non sono stati in grado di concludere perché i più intelligenti sono più propensi a consumare cannabis nell’adolescenza. Come qualche anno fa, è stato suggerito che probabilmente sono più aperti alla sperimentazione. O anche, che lo facciano per entrare in empatia con i compagni più grandi che hanno accesso alla marijuana o, semplicemente, che forse siano più sinceri quando si parla del consumo di alcune sostanze. In ogni modo, hanno ritenuto anche auspicabile che gli studi futuri si concentrino su quelli con uno scarso rendimento scolastico e sul perché sono meno propensi a consumare cannabis.

​Il mito della perdita di intelligenza
Questo nuovo studio britannico è un altro argomento contro il mito in base al quale il consumo di marijuana farebbe perdere punti di QI. Tutto è iniziato nel 2012, con uno studio che affermava che l'uso costante di marijuana tra coloro che hanno meno di 18 anni avrebbe significato una perdita di intelligenza intorno ai 40 anni. Tuttavia, dopo una revisione di quei dati si è messo in discussione che esistesse una relazione tra l'uso di cannabis e la perdita di QI. A quanto pare, i primi ricercatori non avevano preso in considerazione il contesto socio-economico in cui si muovevano i partecipanti alla ricerca. Così “il vero effetto (sull'uso precoce della cannabis e il QI) potrebbe essere pari a zero”.

Non è l'unico studio recente che ha relazionato la cannabis con l’intelligenza. L'anno scorso, anche uno studio pubblicato dal ‘Journal of Psychopharmacology ‘ del Regno Unito ha concluso che il consumo di cannabis non implica una perdita di questa capacità. Per arrivare a questo risultato, hanno valutato il QI e il rendimento scolastico di 2235 adolescenti, tra i quali c’erano consumatori di marijuana e persone che non l’avevano mai provata. I ricercatori sono stati chiari: “L'idea che il consumo di cannabis sia relazionato con un quoziente intellettivo più basso e con risultati scolastici più scarsi non è stata supportata in questo grande campione di adolescenti”.

Inoltre, i ricercatori delle università di California, Los Angeles e Minnesota sono andati oltre e hanno fatto ricerche sulla possibilità che l'esposizione alla cannabis avesse effetti diversi sulle funzioni intellettuali di gemelli. Per fare questo ne hanno valutato l’intelligenza quando erano tra i 9 ei 12 anni prima che avessero una relazione con l'erba, e anni dopo, quando hanno raggiunto i 17 e i 20 anni. Uno dei gemelli della coppia faceva uso di marijuana e l’altro no.
Gli scienziati non hanno riscontrato alcun legame tra la cannabis e una diminuzione di QI. Né che il consumo di marijuana influisse sugli altri campi: “L'assenza di differenze significative tra fratelli discordanti ci porta a concludere che i deficit osservati nei consumatori di marijuana sono attribuibili a fattori ambigui che influenzano l'iniziazione alla sostanza e il QI più che un effetto neurotossico della cannabis”.

I risultati di questi nuovi studi incoraggiano a continuare a fare ricerche in questo senso e a cercare il motivo per cui le persone più intelligenti sembrano avere una maggiore predilezione per la marijuana. Inoltre, contribuiscono ad eliminare i miti sulla marijuana e a far smettere di preoccuparsi per gli effetti sul cervello. Alla fine, probabilmente ne sapremo tanto di cannabis e di intelligenza quanto dei suoi effetti contro il cancro o la depressione. Basta saper aspettare.

(Visitata 7.275 volte, 1 oggi)

Condividi questo post