DDL Niente cannabis libera. La mafia ringrazia! Lettera aperta allo stato italiano.

DDL Niente cannabis libera. La mafia ringrazia! Lettera aperta allo stato italiano.




Continuano i teatrini in parlamento così come continuano gli scontri tra 5 stelle e radicali da un lato e PD dall'altro. Ieri le commissioni hanno purtroppo rispettato le previsioni e dispiace dirlo ma no, niente cannabis libera. La legge depositata da Radicali Italiani e Associazione Coscioni prevedeva la regolamentazione legale della produzione, del commercio e del consumo della cannabis.

«Mafie e mercanti della droga non possono che dire grazie di fronte all’affossamento del ddl cannabis legale», queste le parole di Riccardo Magi segretario di Radicali Italiani.

«Perché la gente può bere caffè per avere energia, ma non può fumare una canna per rilassarsi? Perché la gente può morire legalmente con alcool ma non può fumarsi una canna? Io credo nella legalizzazione. Sarà tra un anno. O forse due. O forse cinque. O forse dieci. Ma ci sarà. E se non la legalizzeranno ancora noi continueremo a protestare. Io lo so. E io, come tante altre persone, credo anche alla libertà. Credo alla felicità. » 

Queste invece sono le parole di un nostro amico e collaboratore Sasha.

In questa guerra contro il proibizionismo dobbiamo restare uniti, senza abbatterci mai, nonostante sia risaputo quanti benefici abbia la cannabis, nonostante sia risaputo in quanti modi può essere utilizzata la canapa, nonostante ci siano legali e a disposizione di tutti (parliamoci chiaro anche di minorenni) cose come alcol tabacco. 

Caro stato, perché far guadagnare terzi quando potresti benissimamente iniziare a coltivare e vendere liberamente erba? Non è un'utopia e i risultati che ha portato in Colorado non credo siano assolutamente da sottovalutare.. Perché quindi non garantire una qualità all'acquirente? Quando ora qualsiasi cosa compri in strada non sai mai da dove realmente proviene ma soprattutto cosa contiene.

La mafia ringrazia, gli altri paesi stanno purtroppo avanti anni luce da noi.

Un amministratore del M5G

 




(Visitata 400 volte, 1 oggi)

Condividi questo post